Nuovo Nawàri - Sicilia IGP - Duca di Salaparuta Visualizza ingrandito

Nawàri - Sicilia I.G.P. - Duca di Salaparuta

Alle pendici dell’Etna Duca di Salaparuta ha deciso di avviare un’innovativa sperimentazione coltivando per la prima volta un vitigno esigente come il Pinot Nero. Da questa scommessa enologica nasce Nawàri, un Pinot Nero in purezza che stupisce con la sua personalità eccezionale e la sua struttura importante, unita all’eleganza del frutto e ad una grande freschezza.

28,40€

013-125

4 Articoli

Caratteristiche

ProduttoreDuca di Salaparuta
RegioneSicilia
ClassificazioneSicilia I.G.P.
StileVino dal colore rosso rubino con lievi riflessi granati.
UvaggioPinot Nero
Annata2008
MaturazionePer circa 15 mesi in barriques di pregiato rovere francese a grana molto fine. Dopo l’imbottigliamento per almeno sei mesi in cantina a temperatura controllata (15°-16° C.) per evolvere il bouquet.
OdoreComplesso, intenso, con note di piccoli frutti rossi e con eleganti note speziate e di vaniglia.
SaporeCaldo, vellutato, con buona acidità e struttura e con tannino evidente ma garbato.
Abbinamenti Indicato per piatti a base di carni rosse e per formaggi stagionati. Temperatura di servizio 17 - 18° C
Gradazione13% vol.
Volume0,75 l.

Altre Informazioni

Tenuta Vajasindi
Alle pendici dell’Etna, in un territorio complesso, a cui il terreno di origine vulcanica conferisce caratteristiche uniche, Duca di Salaparuta ha scelto la Tenuta di Vajasindi, in frazione Passopisciaro, nel comune di Castiglione di Sicilia. La Tenuta è composta da 11 ettari di terreno suddivisi in due terrazzamenti, il primo a circa 700 metri sul livello del mare e il secondo a 620 metri di altitudine. Qui Duca di Salaparuta ha deciso di sperimentare le difficoltà dell’agricoltura di montagna, privilegiando la maggior salubrità dei terreni alla semplicità, con l’obiettivo di ridurre al minimo gli interventi in vigna. La posizione della Tenuta, nell’area nord del Vulcano, determina un microclima unico che la rende una zona particolarmente vocata per la coltivazione dei vitigni a bacca rossa. I vigneti sono terrazzati, la terra è di colore bruno scuro e si presenta soffice e porosa per la presenza di una grande quantità di scheletro di pomice di piccole dimensioni, con una capacità drenante elevata. La scelta di questi territori è stata fatta dai tecnici Duca di Salaparuta tenendo conto dei cambiamenti climatici in atto e di fattori rilevanti come un’ottima ventilazione, un’adeguata capacità di drenaggio dell’acqua e una buona escursione termica. Tutti elementi che, unitamente alla composizione particolare della terra, hanno permesso di allevare un vitigno autoctono dell’Etna, il Nerello Mascalese, coltivato ad alberello, con cui viene prodotto Làvico, ma anche un vitigno dal carattere forte e dall’inconfondibile eleganza, il Pinot Nero, allevato a contro-spalliera. Una vera sfida enologica quella accettata da Duca di Salaparuta nel 2003, quando alle pendici del Vulcano ha deciso di produrre Pinot Nero in purezza: Nawàri prima, vinificato con le uve della parte alta della Tenuta, e successivamente Sciaranèra, prodotto con le uve coltivate nella parte bassa della Tenuta. Clima - Inverni freddi e nevosi, primavere fresche ed estati asciutte. Zona ventilata e con il giusto grado di umidità. Il versante settentrionale è caratterizzato da temperature più basse che determinano un ambiente più tardivo ma con forti escursioni termiche. La zona nord dove ci troviamo offre temperature più basse in estate, questo porta a produrre vini meno caldi e incide sulla loro gradazione, tuttavia ci garantisce vini più equilibrati, armonici ed eleganti.

Scarica

Prodotti Correlati

CHIAMA:

+39 0932 955990
+39 3394010500

Newsletter

Ricevi le Offerte.