Nuovo Grotte Alte - Cerasuolo di Vittoria DOCG - Occhipinti Visualizza ingrandito

Grotte Alte - Cerasuolo di Vittoria D.O.C.G. - Occhipinti

Grotte Alte è un luogo: i costoni di roccia calcarea sui quali si regge Vittoria. Ma è anche un vino, un Cerasuolo di Vittoria, da uve Frappato e Nero d’Avola. È un vino mediterraneo che conserva la sapidità del mare e tutta l’aria e le escursioni termiche dei monti Iblei. È armonioso e ha conosciuto un lungo invecchiamento. Forse il più ambizioso. Elegante e fiero.

42,00€

056-020

6 Articoli

Caratteristiche

ProduttoreOcchipinti Ariannna
RegioneSicilia
ClassificazioneCerasuolo Di Vittoria D.O.C.G.
StileVino rosso fermo
UvaggioNero d’Avola 50%, Frappato 50%
Annata2014
Maturazione32 mesi in botti di rovere di Slavonia da 25 hl, 4 mesi in bottiglia, nessuna filtrazione.
OdoreAl naso fine e fragrante, con dettagli di salsedine, amarene e spezie orientali.
SaporeAl palato intenso ed elegante, morbido e rotondo con un finale aromatico persistente e salino.
AbbinamentiFormaggi stagionati, selvaggina, carne rossa. Servire a una temperatura di 18/20°. come ogni vino tradizionale bioogico, lasciarlo ossigenare per c.a 20minuti e eventualmente filtrarlo se presenta sedimenti.
Gradazione13% vol.
Volume0,75 l.
Biosi

Altre Informazioni

Vittoria, il vino, la vigna, i muretti a secco. Questa è la terra. Il sole che sorge, presto la mattina, su dai Monti Iblei, mentre il cielo arrossisce a strati e la luce calda si diffonde tra i filari di fossa di Lupo. Le uve di questi luoghi, Il Frappato ed il Nero d’Avola. Ritrovarsi nella loro espressione, nel loro essere armonici e disuguali. Adorare la forza di sapersi portare dentro un passato e un futuro allo stesso tempo.

La Sicilia è un luogo da mille volti, ma esiste una Sicilia che si compone di strade, colori e odori dispersi nell’aria. La Sicilia è fatta di campagna e di roccia, quella dei monti Iblei, la parte forse meno conosciuta di tutta la regione. Le cave di spettacolare bellezza che si aprono improvvisamente nell’orografia delle montagne, i canyon, le grotte; necropoli e catacombe nascoste tra la vegetazione. La strada che si snoda lungo l’altopiano tra i boschi di querce e alloro dei colli Corrado, Pendente, Selvaggi, e la vista che spazia fino ai profili del Bollarito e del Patro. La meraviglia della bellezza umile dei muretti a secco. Muretti come opere d’arte che danno grazia geometrica alle montagne, in contrasto con la natura transitoria della roccia calcarea di queste zone. E nello stesso modo, ci si meraviglia delle bellezze barocche, come Palazzolo Acreide e la Val di Noto, che interrompono all’improvviso l’asperità dei monti con il loro splendore architettonico. Qui ci sono i lecci, gli ulivi e i carrubi. Qui dappertutto c’è la forza della natura, anche se la roccia si sbriciola come “giuggiulena” (semi di sesamo); c’è il vento e la ruvidità di odori e aromi. Tutti ingredienti che lievitano nel vino.

Prodotti Correlati

CHIAMA:

+39 0932 955990
+39 3394010500

Newsletter

Ricevi le Offerte.